Dati interessanti

Soluzione adatta a qualsiasi applicazione

Diverse modalità di funzionamento e diverse varianti di apparecchi consentono l’impiego dei sensori microsonic in innumerevoli ambiti di applicazione della tecnologia di automatizzazione.

Controllo della presenza

A seconda delle dimensioni dei box o del container, è possibile impiegare sensori a ultrasuoni con un'uscita di commutazione ad es. della famiglia mic+. Per le misurazioni in box piccoli, si può scegliere tra il mic+25/D/TC, il mic+35/D/TC o il mic+130/D/TC. Con container di dimensioni maggiori, si consiglia di utilizzare un mic+340/D/TC o un mic+600/D/TC. Se i box o i container devono essere controllati con più sensori, si consiglia di sincronizzarli tra loro.

Regolazione di bordo nastro

I sensori di bordo nastro a ultrasuoni bks sono di tipo a forcella e funzionano come barriera a una via. Essi vengono utilizzati per la regolazione del nastro ed emettono un segnale analogico da 0-10 V o 4-20 mA proporzionale alla posizione del bordo nastro.

Controllo di doppi fogli

rileva due o più fogli o giornali sovrapposti. La gamma di prodotti dbk+4 è particolarmente adatta per l'uso nelle macchine di lavorazione della carta quali macchine a foglio, stampanti, fotocopiatrici o macchine raccoglitrici. Con materiali più spessi, pannelli in plastica e cartoni ondulati grossolani, si utilizza il controllo di doppi fogli dbk+5.

Rilevamento del diametro

Con un sensore a ultrasuoni con uscita analogica, è possibile rilevare il diametro di un rullo o di una bobina e regolare di conseguenza il dispositivo di azionamento del rullo o il freno. È il tipico caso in cui si utilizza un mic+35/IU/TC con rulli di diametro piccolo e mic+130/IU/TC con rulli di diametro fino a 2,5 m.

Impiego su estrusori di film

I sensori a ultrasuoni mic+ con uscita analogica da 0 – 10 V e 4 – 20 mA sono particolarmente adatti per regolare il diametro di un estrusore di film.

Sensori a sbarramento

I sensori a sbarramento ad ultrasuoni sono estremamente adatti per un controllo di presenza affidabile e per il conteggio di oggetti ad alta velocità. I sensori a sbarramento sono composti da un emettitore e da un ricevitore. L'emettitore trasmette impulsi acustici ciclicamente, i quali sono catturati dal ricevitore. Se un oggetto interrompe gli impulsi tra emettitore e ricevitore, l'uscita del ricevitore commuta.

I robusti sensori ews sono disponibili in formato a blocchetto e cilindrico M18.

Rilevamento etichette

Il sensore di etichetta esf-1 scannerizza con sicurezza materiali riflettenti ad elevata trasparenza, nonché etichette metallizzate ed etichette di qualsiasi colore. Il tempo di misura s'imposta automaticamente in funzione della potenza sonora necessaria.

Controllo rottura film

possibile con tutti i sensori a ultrasuoni con uscita di commutazione. Se il film è particolarmente ondulato, è opportuno utilizzare il sensore come barriera a riflessione o a due vie. Questa modalità di funzionamento funziona, infatti, efficacemente anche quando il suono viene deflesso dalle ondulazioni del materiale. Tutti i sensori di prossimità a ultrasuoni con funzione Teach-in microsonic supportano la modalità di funzionamento "barriera a riflessione".

Misurazione del livello

È possibile misurare livelli di riempimento compresi tra pochi millimetri e 8 metri. Si può scegliere tra sensori a ultrasuoni con una o due uscite di commutazione per la regolazione min./max. o con uscita analogica da 0 – 10 V e 4 – 20 mA. Con i sensori a ultrasuoni crm+ o hps+ , sono disponibili anche versioni resistenti ad attacco chimico.

Misurazione del livello in sovrappressione (6 bar)

possibile con i sensori hps+. I sensori sono, inoltre, resistenti all'attacco chimico e disponibili nelle versioni con due uscite di commutazione pnp o con uscita analogica e di commutazione.

Controllo del livello in piccoli recipienti

È possibile misurare livelli di riempimento compresi tra pochi millimetri e 8 metri. Si può scegliere tra sensori a ultrasuoni con una o due uscite di commutazione per la regolazione min./max. o con uscita analogica da 0 – 10 V e 4 – 20 mA. Con il sensore a ultrasuoni zws- + SoundPipe , è possibile misurare il livello anche in piccoli recipienti di diametro inferiore a 5 mm.

Rilevamento ostacoli

I sensori a ultrasuoni della famiglia mic+ consentono la protezione senza contatto di mezzi di trasporto senza conducente nella direzione di marcia. Se si utilizzano più sensori, essi possono essere sincronizzati tra loro per evitare che si influenzino reciprocamente. Con un’area di preavviso e un’area di arresto, il veicolo può essere frenato dolcemente qualora vi sia un ostacolo sulla corsia di marcia, senza che intervenga il dispositivo di protezione tattile.

Misurazione di altezza e larghezza

Utilizzando più sensori a ultrasuoni mic+ o pico+, è possibile effettuare misurazioni tridimensionali di piccole scatole fino a cartoni di grandi dimensioni. A tale scopo, sono disponibili sensori con diversi raggi d'azione.

 

Rilevamento spigoli in oggetti piatti

Oggetti molto piatti su un nastro trasportatore possono spesso essere rilevati con certezza solo tramite una misurazione "indiretta": un sensore a ultrasuoni con uscita di commutazione effettua una misurazione obliqua rispetto allo spigolo dell'oggetto in senso contrario alla direzione di trasporto del nastro. Lo spigolo dell'oggetto forma un riflettore triplo con il nastro trasportatore e riflette il suono indietro al sensore.

Rilevamento persone

Se si deve rilevare la presenza di persone, si consiglia di scegliere un sensore a ultrasuoni, il cui raggio d'azione nominale sia nettamente superiore alla distanza da misurare richiesta. Maggiore è il raggio d'azione nominale del sensore, minore è la frequenza ultrasonica dello stesso. Inoltre, minore è la frequenza ultrasonica, meglio si rilevano i capi di vestiario in materiale assorbente come, ad es., la lana.

Posizionamento di robot

Per il posizionamento dei bracci del robot, i sensori a ultrasuoni pico+ nel manicotto filettato M18 oppure i sensori zws in custodia a parallelepipedo rappresentano la soluzione ideale grazie alle dimensioni ridotte.

 

Posizionamento

Nella scansione di lastre di vetro o altre superfici piane e lisce, occorre verificare attentamente che il sensore a ultrasuoni effettui la misurazione perpendicolarmente alla superficie.

 

Controllo qualità

in una macchina per confezionare. Per la rilevazione di oggetti in processi rapidi, è disponibile un'ampia gamma di sensori a ultrasuoni: i sensori a ultrasuoni zws- in custodia a parallelepipedo, i sensori sks- miniaturizzati, i sensori a ultrasuoni pico+ nel manicotto filettato M18 con testina angolare opzionale e interfaccia IO-Link.

Regolazione dell'ansa

A questo scopo, un sensore a ultrasuoni con uscita analogica misura dall'alto nell'ansa regolando l'apporto di materiale in funzione della profondità della stessa. In caso di anse che oscillano lateralmente, con una misurazione dall'alto il suono può essere deflesso molto rapidamente. Si consiglia quindi di misurare l'ansa dal basso nel modo illustrato in figura.

Rilevamento impalmatura

Il sensore di impalmatura esp-4 rileva con sicurezza le impalmature e anche le etichette. È disponibile sia in custodia M18, che M12 con trasduttore ricevente dislocato.

Controllo rottura cavo

nell'avvolgimento e lo svolgimento di un cavo di acciaio. A seconda delle dimensioni del tamburo, si può utilizzare un mic+130/D/TC con raggio d'azione di 1.300 mm oppure un mic+35/D/TC con raggio d'azione di 350 mm. Se la posizione del cavo deve essere rilevata sul lato avvolgimento, sono disponibili a questo scopo sensori a ultrasuoni con uscita analogica.

Rilevamento altezza della pila

Che si tratti di tavole in legno, lastre di vetro, carta o pannelli in plastica colorati, i sensori a ultrasuoni si rivelano particolarmente adatti per rilevazioni dell'altezza precise al millimetro.

Controllo di supporti di carico

Ogniqualvolta l'oggetto da scannerizzare assorba il suono o lo defletta a causa della propria forma o posizione nel supporto di carico, si dovrebbe utilizzare una soluzione con una barriera a riflessione o a due vie. In questo caso, viene posizionato un riflettore aggiuntivo dietro l'oggetto che deve essere effettivamente scannerizzato. Appena l'oggetto copre il riflettore, il sensore a ultrasuoni con uscita di commutazione e modalità finestra emette un segnale.

Barriera a ultrasuoni

Con un sensore a ultrasuoni in modalità finestra è possibile costruire una barriera a riflessione o a due vie con grande facilità. A tale scopo, si posiziona un riflettore fisso dietro l'oggetto da scannerizzare. Appena un oggetto copre il riflettore, viene generato un segnale di commutazione.

 

Riflettori

Il suono può essere deviato mediante un riflettore con superficie liscia e ad elevata impedenza acustica. A tale scopo, sono disponibili come accessori riflettori di 90°. Essi possono essere utilizzati proficuamente in condizioni di spazio ristretto.

Controllo riempimento cassetta

I sensori a ultrasuoni mic+ e i sensori a ultrasuoni pico+ sono particolarmente adatti per applicazioni quali il controllo delle cassette piene e vuote o la scansione di bottiglie in PET vuote sul nastro trasportatore. La sincronizzazione integrata in entrambe le famiglie di sensori semplifica la struttura di una riga di sensori.

 

Controllo livello e rilevamento oggetti

I sensori ad ultrasuoni possono essere usati per un continuo rilevamento del livello e di oggetti su un nastro trasportatore. Quando il sensore rileva il livello minimo, la risposta sarà incrementata. Al contrario, quando il sensore rileva il livello massimo, l'unità di controllo ridurrà la risposta al fine di regolare il processo.
Top