Dati interessanti

  • iolink_1046x850.jpg

IO-Link in dettaglio

IO-Link: il nuovo standard a livello di bus di campo

Con l'interfaccia IO-Link nei sensori ultrasonici, sono stati realizzati i presupposti per realizzare una comunicazione senza lacune attraverso tutti i livelli dell'architettura di sistema fino al sensore. In questo modo le macchine e gli impianti possono essere gestite in maniera più produttiva. L’interfaccia IO-Link può facilitare enormemente la messa in esercizio e la manutenzione di una macchina o di un impianto.

IO-Link in dettaglio

Dopo l’accensione il sensore ultrasonico si trova sempre in modo SIO (modo standard I/O) e si comporta come un normale interruttore ultrasonico di prossimità con fase d’uscita push-pull.

Mediante un cosiddetto segnale wake-up („di sveglia”) un controllo compatibile con IO-Link può porre il sensore ultrasonico nel modo comunicazione o nel modo IO-Link. Adesso il controllo potrà scambiare con il sensore dati di processo e dati di servizio.

Un master IO-Link può disporre di uno o più ingressi oppure uscite. Ad ogni I/U è connesso sempre e soltanto un apparecchio I/O-Link. La connessione dei sensori e degli attuatori avviene tramite cavo standard a 3 fili. Questa connessione non schermata può avere una lunghezza fino a 20 m.

Grazie alla totale compatibilità con il modo SIO (modo standard IO) è possibile anche un funzionamento misto: con un master si possono far funzionare alcuni sensori ed attuatori IO-Link ed altri nel modo SIO.

La comunicazione costante consente la trasmissione di dati di processo e dati di servizio tra i sensori/attuatori ed il controllo.

Impianto di riempimento provvisto di IO-Link

Un sistema IO-Link è costituito da dispositivi IO-Link - perlopiù sensori, attuatori o combinazioni di questi – nonché da un cavo standard sensore/attuatore a 3 fili ed un master IO-Link.

I vantaggi di IO-Link:

  • Nel modo IO-Link i valori di distanza vengono trasmessi ciclicamente al master; il modo IO-Link può pertanto sostituire in maniera economica un’uscita analogica!
  • In caso di guasto di un sensore il controllo può ricaricare automaticamente nel nuovo sensore tutte le impostazioni.
  • Riduzione dello sforzo di progettazione ottenuta grazie all’integrazione standardizzata di dispositivi nel controllo tramite dei file di descrizione IODD indipendenti dal produttore
  • Riduzione dei tempi di attivazione ottenuta grazie al mantenimento centralizzato di dati e parametri nel controllo
  • Maggiore livello di disponibilità degli impianti ottenuto tramite massima trasparenza e diagnosi dell’intero impianto scendendo fino al dispositivo stesso

Lo stadio di uscita Push-Pull consente di passare dalla modalità SIO alla modalità IO-Link

Esempio dell’architettura di sistema

Ulteriori informazioni su IO-Link sono disponibili al sito www.io-link.com.

pico+TF sensori ultrasonici

Il nuovo sensore ultrasonico M22: 4 raggi d‘azione, 2 modalità, 1 interfaccia IO-Link.

lcs+ ultrasonic sensors

The new lcs+ ultrasonic sensors come in a very compact square-shaped housing - with analogue or switching output + IO-Link.

bks+ sensore dei bordi ultrasonici

Con il sensore dei bordi bks+ si possono rilevare senza contatto i bordi di nastri di pellicole, carta e altri materiali senza permeabilità acustica. 

pico+ sensori ultrasonici

Il nuovo sensore ultrasonico M18: 4 raggi d‘azione, 3 modalità, 2 varianti di custodia, 1 interfaccia IO-Link.

Top